L’antifurto non è morto!

Mobile, Sicurezza

Alcuni report recenti hanno evidenziato che la funzionalità ‘antifurto’ non è più necessaria. Quindi l’antifurto è morto?

Assolutamente no. La necessità di proteggere i dispositivi mobili e i contenuti in essi salvati dalla perdita o dal furto è ancora viva. Sfortunatamente, i dispositivi vengono persi e rubati oggi più che mai. Il motivo alla base dei furti è ovvio – i ladri ricavano soldi dalla vendita sul mercato nero dei dispositivi rubati.

Ci sono stati tentativi di regolamentazione per ridurre al minimo il valore del dispositivo sul mercato nero – tra gli ultimi l’iniziativa Kill Switch negli Stati Uniti. L’altro lato della medaglia è che chi fa queste regolamentazioni intende anche proteggere i consumatori dagli operatori e dalle compagnie di assicurazione.

Giusto per fare un esempio. Secondo William Duckworth, le persone negli Stati Uniti spendono $580 milioni all’anno per sostituire dispositivi rubati o persi e $4,6 miliardi per assicurarli. Mentre gli utenti dei dispositivi mobili accolgono bene questa iniziativa, come possono gli operatori e le compagnie di assicurazione accogliere bene l’iniziativa Kill Switch che li priva di milioni di dollari di fatturato all’anno? Certamente, loro la combatteranno.

L’iniziativa è buona ma nel breve-medio termine è difficile immaginare che qualcosa cambierà. I dispositivi vengono persi e rubati e c’è del business attorno a tutto questo. Inoltre, come dichiara Sean Sullivan, Security Advisor di F-Secure, “Come se questo potrebbe effettivamente ridurre i furti? Ci vorranno anni prima che la tecnologia inizi a circolare, e a quel punto sarà nelle mani di tutti… e saranno disponibili diversi modi per aggirarla. Questo è quanto succede più di frequente.”

Come abbiamo detto, l’antifurto è tutt’altro che morto. E sta iniziando a diventare una commodity nell’offerta dei vendor di dispositivi mobili. Tuttavia, i vendor gestiscono principalmente i loro sistemi operativi proprietari e questo non risolve il problema nelle aziende.

Per le aziende, la funzionalità antifurto è disponibile sui dispositivi che sono gestiti su Protection Service for Business. PSB anti-theft è una funzionalità centralizzata multi-piattaforma per dispositivi Android e iOS che fornisce funzioni antifurto di base, come per esempio Blocca, Elimina e Resetta.

In un’era in cui i dipendenti accedono ai contenuti aziendali dai loro dispositivi in mobilità, la funzionalità antifurto non solo è più che viva, ma è un’importante elemento della sicurezza aziendale globale.

 

by Samanta Fumagalli

Tratto dall’articolo “Anti-theft is not dead” scritto da Paajanen Eija, Product Marketing Manager di F-Secure Corporation

Valuta questo articolo

0 voti

0 Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Potrebbe anche interessarti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: