Vuoi rendere la vita difficile ai tracciatori su Internet? Ecco cosa devi fare

Privacy, Sicurezza, Uncategorized

Un recente report di PEW afferma che l’86% delle persone ha intrapreso azioni per evitare la sorveglianza online, con iniziative semplici come pulire la cache del browser, o affidandosi a metodi più efficaci come usare una VPN (virtual private network). Nel report si dice anche che il 61% dei partecipanti ha dichiarato che vorrebbe fare di più.

Molte persone comprendono che la privacy è a rischio quando si fanno attività online, e vorebbero fare qualcosa per proteggersi. Ma è più facile a dirsi che a farsi. Non solo devi avere la volontà per farlo , ma devi anche sapere da dove cominciare. Da chi vuoi proteggere la tua privacy? Facebook? L’NSA? Da vicini ficcanaso?

Il report di PEW riporta che il 91% delle persone sono d’accordo o fortemente d’accordo che i consumatori hanno perso il controllo sulle loro informazioni personali che vengono raccolte e usate dalle aziende. Quindi, se vuoi riprendere questo controllo, la prima cosa che devi fare è scoprire chi ti sta spiando online.

La VPN Freedome di F-Secure, che puoi provare gratuitamente, ha tecnologie di protezione del tracciamento integrate per aiutare le persone a proteggere la loro privacy mentre stanno navigando online. Presenta anche Tracker Mapper – una funzionalità che gli utenti possono usare per controllare come si espongono ai tracciatori online. Tracker Mapper è disponibile per Mac e PC Windows da circa 6 mesi, ed è stato lanciato per le app Freedome per Android e iOS.

Ma come fa Tracker Mapper ad aiutarti a controllare la tua privacy online? Ecco cosa dice Mikko Hyppönen, Chief Research Officer di F-Secure, parlando di come il tracciamento online minacci la privacy delle persone, e come Freedome (e Tracker Mapper) possono aiutare le persone a proteggere se stesse.

Ho condotto un piccolo esperimento per cercare di imparare come limitare la mia esposizione ai tracciatori quando pianifico una vacanza. Ho usato Alexa per trovare alcuni siti famosi di viaggi dove poter consultare le offerte degli hotel. Dopo averlo fatto, ho attivato Tracker Mapper (che è disattivato di default, poiché rispettiamo il fatto che le persone non vogliono applicazioni che creino log senza permesso) così ho potuto scoprire quali di questi siti usavano il tracciamento per studiarmi dal momento che avevo usato il loro sito.

Ho scelto 5 dei siti più popolari, e sono rimasto su ciascuno di essi per circa 10 minuti, con un po’ di tempo extra così da poter consultare i risultati nel frattempo. L’intero processo è durato un’ora, che ha prodotto un’ora di log di tentativi di tracciamento che Freedome ha bloccato mentre navigavo su questi siti.

Tracker Mapper crea una vista interattiva dei tentativi di tracciamento bloccati, e ti offre informazioni su cosa i tracciatori tentano di monitorare su differenti siti. Mostra anche come questi tracciatori si mettano in collegamento tra loro per creare una rete in grado di monitorarti quando navighi da sito a sito.

 

Tracker Mapper
Tracker Mapper

 

Questi sono screenshot che mostrano come Tracker Mapper visualizza il tracciamento online, e alcune delle statistiche che fornisce. La schermata sulla sinistra mostra l’intera panoramica della sessione (che è durata esattamente un’ora). Quella in centro mostra i siti che ho visitato ordinati in base ai più alti tentativi di tracciamento. L’ultima sulla destra mostra i tracciatori che hanno tentato di tracciarmi durante la mia sessione, ordinati per numero di tentativi bloccati.

Basandoci su questi dati, emerge che TripAdvisor è il sito che ha messo in atto più tentativi di tracciamento. Ma puoi scoprire anche di più combinando Tracker Mapper con un po’ di analisi online.

 

Tracker Mapper
Tracker Mapper

Puoi cliccare sulle varie “bolle” di Tracker Mapper per ricavare statistiche circa differenti siti e servizi di tracciamento. La prima schermata mostra quanti tentativi di tracciamento da siti differenti sono stati bloccati quando ho visitato TripAdvisor. Le altre due schermate mostrano i principali servizi di tracciamento che Freedome ha bloccato – il tracciatore che TripAdvisor ha integrato nel suo sito (www.tripadvisor.com), e tag di tracciamento da Scorecard Research (b.scorecardresearch.com).

Come si può immaginare, il servizio di tracciamento di TripAdvisor è usato solamente sul loro sito (è ciò che viene chiamato “tracciamento di prima-parte”). E’ per questo che Tracker Mapper non mostra alcuna connessione tra questo e altri siti.

Il secondo, Scorecard Research, è usato sia su TripAdvisor che su Lonely Planet. Ecco perchè ci sono linee che lo connettono con entrambi (è chiamato “tracciamento di terze parti”). Scorecard Research è un’azienda di ricerca marketing che fornisce servizi di tracciamento e analitica avendo siti che ospitano i suoi “tags”, che raccolgono informazioni sui visitatori di quei siti. Il Guardian ha un eccellente approfondimento su Scorecard Research, ma ciò che manca nell storia del Guardian è che tu puoi decidere di uscire dal tracciamento di Scorecard Research. In pratica, ti mettono un cookie sul tuo browser, che non è inusuale per aziende di tracciamento per permettere a chi naviga sul web di proteggere la loro privacy (e stranamente, questo è anche il loro modo per tracciarti).

Smascherare gli ‘inseguitori’ di siti web permette alle persone di prendere il controllo di chi sta monitorando ciò che viene fatto online. L’indagine di PEW ha rilevato che questa idea del controllo è centrale nella preoccupazione delle persone sulla loro privacy online – il 74% di chi ha risposto ha dichiarato che è importante controllare chi può ottenere informazioni, e il 65% ha affermato che è importante controllare quali informazioni vengono raccolte.

Tuttavia, liberarsi da ogni servizio di tracciamento online (e per ogni browser che usi) installando cookies opt-out non è conveniente come usare Freedome. E come sottolinea Sean Sullivan, F-Secure Security Advisor, in questo post sul blog dei Laboratori, Freedome funziona molto meglio per la tua navigazione (un esperimento ha dimostrato che Freedome può ridurre il tempo che serve per caricare le pagine di circa il 30%, e fa diminuire il consumo di dati di circa il 13%).

Puoi scaricare Freedome per una prova gratuita e scoprire da solo come ti può aiutare a tenere sotto controllo la tua privacy online. E ora puoi persino vincere un abbonamento annuale gratuito, oltre a vari premi (ad esempio le nostre stilosissime felpe) postando uno screenshot che mostra i tentativi di tracciamento bloccati durante la tua navigazione sul diario della pagina Facebook di F-Secure , o su Instagram taggando F-Secure.

Il contest è aperto fino al 23 Marzo, al termine verranno nominati 5 vincitori.

Articolo tratto da “Want to Pwn Internet Trackers? Here’s How” di Adam Pilkey, Content Editor Corporate Communications F-Secure Corporation.

 

0 Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Potrebbe anche interessarti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: