La sorveglianza di massa pone ancora molti interrogativi e Snowden ce lo ricorda

Internet security, Mobile, Privacy, Sicurezza

Quando nel 2013 Edward Snowden ha rivelato i dettagli dei programmi di sorveglianza di massa portati avanti dall’NSA, ha dato inizio a un acceso dibattito sulla privacy e la sicurezza digitale. La discussione ha raggiunto il suo apice qualche mese fa, quando Apple si è rifiutata di eseguire un’ordinanza del tribunale presentata dall’FBI in cui si chiedeva di accedere all’iPhone del sospetto terrorista Syed Farook della strage di San Bernardino. Nel frattempo, giornalisti e attivisti sono sempre più sotto attacco da parte di agenti stranieri.

Sono passati più di 3 anni dalle rivelazioni di Snowden sulla NSA… ed è facile dimenticare che la sorveglianza di massa solleva molte domande. In un episodio di Vice News intitolato “Stato di sorveglianza,” Shane Smith (fondatore di Vice) è andato a Mosca per incontrare l’uomo che ha dato inizio a tutto questo, Edward Snowden. In una lunga intervista Snowden ha sollevato tre importanti questioni relative alla sorveglianza di massa. L’uscita nei prossimi giorni del film Snowden nelle sale cinematografiche italiane è l’occasione per soffermarci su alcune sue considerazioni.

Perché preoccuparsi della sorveglianza di massa?

Perché non si sa mai cosa può succedere… un giorno i tuoi dati potrebbero anche essere usati contro di te. “Anche se oggi vi fidate del vostro governo, chi può dire che un giorno questo possa cambiare?”, dice Snowden nell’intervista a Vice News. “Tu sarai vulnerabile di fronte a un sistema di sorveglianza già fermamente radicato. Cosa succederà quando qualcuno dirà: Sai una cosa? Utilizzeremo a pieno regime questo sistema di sorveglianza per assicurare la stabilità della nostra nuova amministrazione.”

I programmi di sorveglianza di massa servono soprattutto per scovare i terroristi. Ma secondo Edward Snowden, il sistema è destinato al fallimento.

Ho lavorato per la NSA – spiega Snowden – durante l’inchiesta che seguì il bombardamento della maratona di Boston. Stavamo guardando la notizia da noi dicendo che gli autori probabilmente erano già inclusi nei nostri database. E sono abbastanza sicuro che a Parigi, le nostre controparti stavano dicendo la stessa cosa. Questo è il problema della sorveglianza di massa: quando si controlla tutto e tutti, in realtà si hanno anche informazioni su individui pericolosi. Sono incluse nel database. Si hanno quindi a portata di mano le informazioni necessarie per fermare e prevenire le peggiori atrocità … sì, ma a patto che tutti quei dati si riescano a interpretare. E’ un dato di fatto: la sorveglianza di massa non è efficace per prevenire attacchi di questo tipo e non lo è mai stata.”

Poi cita due commissioni indipendenti che la Casa Bianca ha ingaggiato per valutare i programmi di sorveglianza di massa. Entrambe sono giunte alla stessa conclusione: la sorveglianza di massa non è riuscita a prevenire gli attacchi terroristici. E si sono raccomandate di porre fine a questi programmi.

Se questi programmi sono inefficaci, perché i politici non decidono di interromperli?

Perché nessuno vuole assumersi la responsabilità di un nuovo attacco terroristico. Anche se la responsabilità è attribuita alla persona sbagliata.

Queste misure sono legate al concetto di lotta contro il terrorismo. I politici, pertanto, non vogliono assumersi la responsabilità di mettersi contro questi programmi di sorveglianza di massa, anche se sono inefficaci. Sanno che ulteriori attacchi terroristici possono accadere. Naturalmente, i loro avversari politici li useranno a loro vantaggio e verranno stigmatizzati. Ma questo atteggiamento otterrà un certo successo. Poiché viviamo in un tempo – conclude Snowden – in cui la politica della paura è più convincente di quella dei fatti“.

Puoi vedere l’intero episodio «Stato di sorveglianza» con Edward Snowden e Shane Smith su Vice News.

Guarda qui il trailer del film in uscita il 24 novembre a Milano e Roma e in tutto il resto d’Italia il 1 dicembre.

E se stai pensando che è il caso di iniziare a proteggere la tua privacy e sicurezza online, prova Total Security & Privacy di F-Secure.

 

Sicurezza e privacy complete
Sicurezza e privacy complete

0 Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Potrebbe anche interessarti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: